Sempre un Bianconiglio nel nostro giardino
Always a White Rabbit in our garden

IT

Omaggio a Lewis Carroll
Nella fiaba Alice nel Paese delle Meraviglie mi ha sempre incuriosita il concetto dell'annullamento del tempo. Dalla fretta di Bianconiglio con nelle mani un orologio che segna sempre lo stesso orario, e nella pronuncia di una frase "è tardi è tardi", ricordo che cominciai a leggere questa fiaba complessa, che annulla tutti i sistemi spazio-temporali, con grande lentezza. Man mano scoprivo, attraverso il messaggio del sogno, di come il tempo si avvalesse di una dimensione interiore, e seguire non la fretta ma il suo opposto, generasse la curiosità e la scoperta. Così, "pian piano", mi sono avvicinata alle teorie del tempo soggettivo che vedono come tempo autentico quello che scorre nella nostra coscienza, e come il concetto di durata sia continuità ininterrotta e non divisibile in segmenti spazialmente e matematicamente definiti. Da queste premesse parte questo piccolo lavoro di Fotografia dedicato a Lewis Carroll, al suo concetto d'anarchia, alla curiosità, all' azzeramento del tempo. Per Alice seguire il Bianconiglio è sinonimo di impavida curiosità, è trovarlo e stringerlo a sè simboleggia l'annullamento del tempo fisico e misurabile che ci vuole anziani, giovani, piccoli, grandi, temendo il suo fluire invece di immergersi. Come afferma il filosofo Herry Bergson, legato allo scrittore della Recherche Marcel Proust sia da vincoli di parentela che concettuali: "un'ora, non è solo un'ora, è colma di profumi, di suoni, di progetti, di climi".

EN

Tribute to Lewis Carroll
In the fairy tale Alice in Wonderland, the concept of the cancellation of time has always intrigued me. From the rush of Bianconiglio with a clock in his hands that always marks the same time, and in the pronunciation of a phrase "it's late it's late", I remember that I began to read this complex fairy tale, which cancels all the space-time systems, with great slowness . As I discovered, through the message of the dream, how time took advantage of an inner dimension, and followed not the haste but its opposite, generated curiosity and discovery. Thus, "slowly", I approached the theories of subjective time which see as authentic time what flows in our consciousness, and how the concept of duration is uninterrupted continuity and not divisible into spatially and mathematically defined segments. From these premises starts this little work of Photography dedicated to Lewis Carroll, to his concept of anarchy, to curiosity, to the zeroing of time. For Alice to follow the White Rabbit is synonymous with fearless curiosity, and finding it and holding him tight symbolizes the annulment of physical and measurable time that wants us old, young, small, large, it fear his flow instead of diving. As started the philosopher Herry Bergson, who is linked to the writer of the Recherche Marcel Proust by both family and conceptual bonds: "an hour is not only an hour, it is a vase full of scents, sounds, projects, climates".